Aggiornato: 17 giugno 2024
Nome: Zherebtsov Konstantin Petrovich
Data di nascita: 26 agosto 1973
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Tempo trascorso in prigione: 1 Giorno nel centro di permanenza temporanea, 598 Giorni Agli arresti domiciliari
Frase: pena sotto forma di reclusione per 2 anni 2 mesi, con restrizione della libertà per un periodo di 6 mesi, la pena sotto forma di reclusione è considerata condizionale con un periodo di prova per 2 anni

Biografia

Il 3 ottobre 2019, i civili di Cechov, vicino a Mosca, hanno affrontato persecuzioni per la loro fede: sono state effettuate perquisizioni in diversi indirizzi ed è stato aperto un procedimento penale contro Konstantin Zherebtsov. Il 24 maggio 2021, il tribunale ha dichiarato il credente colpevole e lo ha condannato a 2 anni e 2 mesi di reclusione sospesa con un periodo di libertà vigilata di 2 anni.

Konstantin è nato nel 1973 nella città di Mary (Turkmenistan). Suo padre lavorava come autista e sua madre lavorava come operaia. Konstantin ha due fratelli maggiori e una sorella. In gioventù, Konstantin era appassionato di sollevamento pesi e collezionava francobolli.

Si è diplomato in un istituto tecnico con una laurea in strumentazione e automazione. Per qualche tempo ha lavorato come elettricista e dal 2003 lavora presso lo stabilimento di costruzione di macchine di ZiO-Podolsk. Konstantin ha preso parte ai lavori con gli ordini statali chiave per le centrali nucleari di Kursk, Leningrado, Beloyarsk e altre imprese del complesso energetico. Ha numerosi certificati di successo nel suo lavoro da parte dell'amministrazione dell'impianto, nonché lettere di ringraziamento da parte del governo russo. Nel suo tempo libero, Konstantin è impegnato nelle faccende domestiche.

Konstantin incontrò la sua futura moglie nella sua città natale. Si sono sposati nel 1994. In seguito si trasferirono a Čechov, vicino a Mosca. Natalia lavora come infermiera ed è appassionata di giardinaggio. La coppia ha due figli.

Natalia fu la prima a interessarsi della Bibbia. Costantino decise di unirsi a lei, avendo appreso dalle Sacre Scritture che Dio lo amava.

Il procedimento penale cambiò radicalmente il consueto stile di vita di Konstantin e della sua famiglia. A causa delle restrizioni che gli sono state imposte, non può sostenere finanziariamente la sua famiglia. Nell'ottobre 2019, a causa delle preoccupazioni e dello stress, i suoi problemi cardiaci sono peggiorati.

Parenti e amici si chiedono come una persona rispettosa della legge, laboriosa e onesta possa essere arruolata nei ranghi dei pericolosi criminali solo per la sua fede. La stessa opinione è condivisa dalla direzione dello stabilimento in cui lavorava Konstantin. Il suo posto di lavoro è ancora assegnato a lui.

Casi di successo

Il procedimento penale avviato nel settembre 2019 contro i residenti di Cechov Yuri e Zinaida Krutyakov, Konstantin Zherebtsov e Vitaly Nikiforov si basava sulla testimonianza di un ufficiale dell’FSB che fingeva di essere interessato alla Bibbia. La notte del 3 ottobre 2019, le forze di sicurezza hanno fatto irruzione nelle case dei credenti con perquisizioni. Zherebtsov, Nikiforov e Krutyakova sono stati posti agli arresti domiciliari. Più tardi, Yuriy è stato portato al centro di detenzione preventiva. Vi rimase per 445 giorni; La sua vista peggiorò bruscamente. Nel gennaio 2021 sono iniziate le udienze presso il tribunale della città di Cechov della regione di Mosca. Il pubblico ministero ha chiesto la sospensione condizionale della pena da 2 a 6 anni per i quattro imputati. Il 24 maggio, il giudice Iryna Pantela ha concesso ai credenti una pena sospesa: Yuriy – 6 anni, Zinaida – 2 anni e 3 mesi, Konstantin – 2 anni e 2 mesi, Vitaliy – 2 anni. A tutti sono stati inoltre concessi vari periodi di prova. Il 20 luglio 2021 il Tribunale regionale di Mosca ha confermato il verdetto e il 13 gennaio 2022 la Corte di Cassazione non ha accolto l’appello dei fedeli.