Aggiornato: 12 luglio 2024
Nome: Yermilova Valentina Valeriyevna
Data di nascita: 15 novembre 1970
Stato attuale: Imputato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento

Biografia

Nel 2019, le forze dell'ordine hanno aperto un procedimento penale contro Sergey Yermilov, un pensionato militare dell'FSB. Nell'estate del 2021 anche sua moglie, Valentina, 50 anni, è stata accusata di estremismo solo a causa della sua fede in Geova Dio.

Valentina è nata nel novembre del 1970 nella città di Shimanovsk (regione dell'Amur). Da bambina si dedicava allo sport, giocava a basket. Ha una sorella minore, Olga.

Dopo la scuola, Valentina si è diplomata in una scuola professionale. Ha lavorato come assistente di laboratorio, cancelliere, centralinista.

Nel 2009, seguendo la sorella, Valentina e la madre intraprendono il cammino cristiano. Valentina è stata spinta a prendere questa decisione studiando la Bibbia, cioè che ciò che è scritto in essa dà speranza per un futuro meraviglioso. Fu anche toccata dalla promessa di Dio di risuscitare coloro che sono morti. Purtroppo, durante l'indagine contro Valentina, sua madre si è ammalata di COVID-19 ed è morta per complicazioni.

Nel 1995, Valentina ha sposato Sergey. Hanno un figlio adulto che ha già una sua famiglia. I coniugi hanno molto in comune: Sergey non solo condivide le convinzioni religiose di Valentina, ma, come lei, ama lo sport. Entrambi i coniugi sono appassionati di cucina. Nel tempo libero, gli sposi amano viaggiare e rilassarsi nella natura.

A causa del procedimento penale, la salute di Valentina è peggiorata ed è costretta ad assumere farmaci. Inoltre, suo marito è incluso nella lista degli estremisti di Rosfinmonitoring, quindi le sue carte bancarie sono bloccate, il che complica notevolmente la vita della famiglia. "Prima dell'inizio del procedimento penale, potevamo andare da qualche parte insieme, ma ora è impossibile", dice Valentina con rammarico.

Casi di successo

Nel luglio 2021 Kristina Golik, Valentina Ermilova, Ekaterina Olshevskaya e Maria Portnyagina sono state imputate in un procedimento penale per aver creduto in Geova Dio. Donne pacifiche di Blagoveshchensk sono state accusate di partecipare alle attività di un’organizzazione estremista. Un mese prima, il marito di Kristina Golik, Dmitrij, era stato condannato a 7 anni di carcere per aver parlato di Dio. I mariti di altre due donne, Anton Olshevsky e Sergey Ermilov , erano sotto inchiesta in quel momento. Il caso contro le donne è stato avviato dall’investigatore della SO dell’FSB nella regione dell’Amur, Obukhov. Ha affermato che hanno commesso atti illeciti, “volendo l’inizio di conseguenze socialmente pericolose” - così ha chiamato la partecipazione dei credenti alle discussioni su argomenti biblici. Tutti e quattro sono stati messi in condizione di non partire. Nel maggio 2023, il caso è andato in tribunale.