Aggiornato: 30 maggio 2024
Nome: Yermak Anna Vladimirovna
Data di nascita: 13 settembre 1982
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1.1)
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 4 anni 6 mesi senza restrizione della libertà con scontare la pena in una colonia correzionale di regime generale

Biografia

Nell'aprile 2021 è stata perquisita Anna Yermak, 38 anni, madre di due bambini piccoli. Per 3 ore le forze di sicurezza hanno cercato di trovare oggetti e documenti che confermassero il suo coinvolgimento nell'"estremismo".

Anna è nata nel 1982 nel villaggio di Kholmskaya (Kraj di Krasnodar). Suo padre lavorava nell'industria petrolifera, sua madre è una graphic designer, attualmente in pensione. Da bambina, Anna amava il disegno, la ginnastica e amava pattinare.

Dopo la scuola, Anna si è laureata presso l'Università Statale di Kuban, dove ha conseguito una laurea in contabilità, analisi e revisione contabile. Ha vissuto in diverse città: a Strezhevoy (regione di Tomsk), Krasnodar e altre. In seguito ha deciso di avvicinarsi all'anziana madre e alla nonna.

Già nell'adolescenza, Anna pensava alla caducità e al senso della vita. Era anche preoccupata per il mondo turbolento e per la sofferenza della gente. Dopo aver conosciuto la Bibbia, Anna imparò che la morte e la sofferenza non facevano parte del piano del Creatore. È rimasta colpita dal fatto che Dio non è indifferente a ciò che sta accadendo sulla terra. "Rendermi conto che Dio aveva tutto sotto controllo mi ha dato pace mentale", ricorda.

Anna ha incontrato il suo futuro marito Maksim nel 2000 a Krasnodar. Si sposarono due anni dopo. Maxim è un calciatore professionista, lavora come vicedirettore di un complesso sportivo e allenatore di calcio per bambini. La coppia ama ascoltare musica, fare giardinaggio, fare sport e viaggiare. Anna è anche appassionata di artigianato. La famiglia ha due figli: il maggiore ha 12 anni e il più piccolo 10 mesi.

Il procedimento penale ha influito sulla salute di Anna: a causa del costante stress, la sua malattia cronica è peggiorata. Il credente spesso deve lasciare un bambino che allatta senza l'attenzione e la cura materna per affrontare le questioni relative all'indagine.

I parenti di Anna sono molto preoccupati per lei. La madre e la nonna di 95 anni piangono spesso e non riescono a credere che questo possa accadere. Il coniuge di Anna è indignato per l'accaduto e considera questa persecuzione una violazione del diritto costituzionale alla libertà di religione.

Casi di successo

Nell’aprile 2021 Olga Ponomareva, una persona disabile del gruppo II, e Anna Yermak, madre di due bambini piccoli, sono state perquisite nell’ambito di un procedimento penale per aver creduto in Geova Dio. L’investigatore del Comitato Investigativo per il Territorio di Krasnodar, Lev Galustyants, ha accusato Olga e Anna di aver coinvolto persone in un’organizzazione bandita per cospirazione. Olga Ponomareva, che ha in cura un’anziana madre disabile, e Anna Yermak rischiano fino a 8 anni di carcere per aver praticato pacificamente la loro religione. Il caso riguardava la testimonianza di una donna che fingeva di interessarsi della Bibbia. Secondo le indagini, è stata lei che Ponomareva e Yermak hanno “coinvolto” nella loro fede. Entrambi i credenti ricevettero il riconoscimento di non andarsene. Nell’ottobre 2021 il caso è stato presentato al tribunale distrettuale di Abinsk, nel territorio di Krasnodar. Poco dopo, il 2 dicembre, il tribunale ha condannato Ponomareva in contumacia a 5 anni e Yermak a 4,5 anni di carcere.