Aggiornato: 14 giugno 2024
Nome: Shishina Svetlana Yuriyevna
Data di nascita: 16 novembre 1975
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Frase: sanzione sotto forma di multa per un importo di 400.000 rubli

Biografia

A Shuya (regione di Ivanovo) è stato aperto un procedimento penale contro la madre di due bambini, Svetlana Shishina. Le forze dell'ordine considerano illegale la sua religione. Cosa sappiamo di questa donna?

Svetlana è nata nel 1975 a Orenburg. I suoi genitori sono pensionati militari. Mio fratello è morto nel 2018, quando aveva 45 anni. La famiglia visse per qualche tempo in guarnigioni in Estremo Oriente vicino a Blagoveščensk, poi in Cecoslovacchia, e poi suo padre fu trasferito a Shuja, dove Svetlana vive tuttora. Da bambina amava il disegno, il cucito, la ginnastica ritmica, il canto e la danza.

Dopo la scuola, si è laureata in infermieristica presso la Shuya Medical School. In seguito ha imparato la professione di economista-contabile e ha lavorato presso l'ospedale del distretto centrale di Shuisky. Successivamente si è diplomata in corsi di alta formazione sul tema "cosmetologia infermieristica" e ora lavora come cosmetologa.

Per tutta la vita, Svetlana ha portato con sé un bel ricordo del libro, che ha visto per caso mentre era in visita da un'amica. Era una Bibbia illustrata per bambini. Fece una grande impressione su una bambina di sei anni proveniente da una famiglia di membri del PCUS, dove non era consuetudine parlare di fede in Dio. Anni dopo scoprì che Dio aveva un nome e in seguito decise di studiare a fondo le Sacre Scritture. La cosa più importante è che la Bibbia risponda a tutte le domande importanti.

Svetlana è sposata dal 1995. Mio marito lavora nel settore edile. La coppia ha due figli, un maschio e una femmina. Il figlio si è diplomato bene in scuole di educazione generale, arte e musica. Anche la figlia di 12 anni studia in una scuola di musica, dove ha più volte partecipato a concorsi e vinto premi.

Il 26 giugno 2018 ha diviso la vita della famiglia di Svetlana in prima e dopo. La ricerca al mattino presto ha fatto sprofondare l'intera famiglia in uno stato di stress e shock, di cui sentono ancora le conseguenze emotive, mentali e fisiche. Svetlana è particolarmente preoccupata per sua figlia, che ha sviluppato la paura di rimanere senza madre. E questo timore non è infondato: l'investigatore ha già minacciato di privare Svetlana dei diritti genitoriali.

Parenti, amici, colleghi di lavoro, così come gli insegnanti delle scuole dei figli di Svetlana sono indignati per l'ingiustizia che si è abbattuta su questa famiglia esemplare. Non riescono a venire a patti con l'idea che il tempo, gli sforzi e il denaro dello Stato siano spesi per combattere persone rispettabili.

Casi di successo

Intercettazioni telefoniche, l’introduzione di un provocatore, riprese video nascoste nelle case dei credenti: questo ha dato inizio alla persecuzione dei Testimoni di Geova nella città di Shuya nella primavera del 2017. Un anno dopo, il Comitato Investigativo ha aperto un procedimento penale in base a tre articoli estremisti contro il pacifico Dmitry Mikhailov. Nei mesi di aprile e giugno 2018 sono state perquisite le case dei testimoni di Geova: i credenti sono stati trattati in modo sgarbato, sottoposti a pressioni e persino una bambina di 10 anni è stata interrogata. Dopo le perquisizioni, sono comparsi nuovi imputati: Elena Mikhailova, Svetlana Ryzhkova, Svetlana Shishina e Alexey Arkhipov. Dmitry ha trascorso 6 mesi in un centro di detenzione preventiva. Nel settembre 2019, l’investigatore ha consegnato il caso al pubblico ministero, ma un anno dopo lo ha restituito per ulteriori indagini. Il caso penale è andato in tribunale nel luglio 2021, ma il giudice lo ha restituito al pubblico ministero per la revisione. Il nuovo processo del caso nello stesso tribunale è iniziato nel maggio 2022.