Aggiornato: 12 aprile 2024
Nome: Shamov Aleksandr Petrovich
Data di nascita: 4 novembre 1960
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Frase: sanzione sotto forma di multa per un importo di 420.000 rubli; prevedere un piano rateale per il pagamento della sanzione irrogata per 42 mesi

Biografia

Nel marzo 2019 è stato aperto un procedimento penale a Kirov contro credenti pacifici, sono state effettuate perquisizioni. Uno degli accusati era Aleksandr Shamov. L'indagine è durata più di un anno, poi il caso è andato in tribunale. Nel luglio 2021, nonostante l'assenza di vittime nel caso, Shamov è stato giudicato colpevole di aver organizzato e finanziato attività estremiste e condannato a una multa salata di 420.000 rubli solo per la sua fede in Geova Dio.

Aleksandr è nato nel 1960 nel villaggio di Komarovo (regione di Kirov). La famiglia ebbe sei figli, i genitori di Aleksandr morirono prematuramente. Fin da piccolo era abituato a lavorare nei campi: già all'età di 6 anni aiutava nella fienagione, e crescendo aiutava le mietitrebbie, mungeva le mucche e procurava foraggio. Allo stesso tempo, i bambini riuscivano a trovare il tempo per i giochi e Aleksandr leggeva voracemente libri. Doveva andare a scuola a diversi chilometri di distanza: in bicicletta d'estate, con gli sci d'inverno.

Dopo aver lasciato la scuola, Aleksandr andò dai suoi parenti a Perm, dove si diplomò in una scuola di ingegneria radiofonica, dopodiché si trasferì nel centro regionale di Kirov e ottenne un lavoro come maestro televisivo. Ora percepisce una pensione di invalidità, si sta riprendendo da un infarto e da un intervento chirurgico al cuore. È diventato più difficile giocare a pallavolo con gli amici, anche se cerca ancora di condurre uno stile di vita attivo.

Nel 1986, Aleksandr ha sposato Nadezhda, una tagliatrice di vestiti di professione. Negli anni '90 la coppia conobbe gli insegnamenti biblici che li toccarono profondamente. Hanno una figlia adulta, Anna.

Secondo Aleksandr, la notizia del suo procedimento penale è stata uno shock per i suoi cari, dai quali ancora non riescono a rinsavire. Gli ex colleghi di lavoro non possono credere che le persone siano perseguitate per la loro fede nel nostro tempo.

Casi di successo

Nel 2019, la Direzione investigativa del Comitato investigativo della Federazione russa per la regione di Kirov ha aperto un procedimento penale per la loro fede contro Alexander Shamov, Andrey Shchepin e Yevgeny Udintsev. L’inchiesta ha interpretato i servizi di culto congiunti come l’organizzazione delle attività di un’organizzazione estremista. L’accusa si basava su registrazioni di incontri di credenti fatte dall’agente dell’FSB “Plastin”, che mostrava un interesse per la Bibbia. Shchepin ha trascorso 2 giorni nel centro di detenzione temporanea e più di 2 anni sotto il divieto di determinate azioni. Più tardi, lui, così come Udintsev e Shamov, si impegnarono per iscritto a non andarsene. Nel giugno 2020, il caso è andato in tribunale. Il pubblico ministero ha chiesto di condannare Shchepin e Shamov a pene da 2 a 4 anni di carcere e Udintsev a una grossa multa. Nel luglio 2021, il tribunale ha inflitto a tutti e tre una sanzione pecuniaria per un importo compreso tra 200.000 e 500.000 rubli. La corte d’appello, e poi la cassazione, confermarono il verdetto contro i pacifici credenti.