Aggiornato: 19 aprile 2024
Nome: Moiseyenko Konstantin Aleksandrovich
Data di nascita: 17 maggio 1976
Stato attuale: Condannato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Limitazioni attuali: Sospensione condizionale della pena
Frase: Pena sotto forma di 6 anni di reclusione con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 4 anni con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, la pena sotto forma di reclusione è considerata sospesa con un periodo di prova di 4 anni

Biografia

Nel marzo 2019, nella città di Zeya (regione dell'Amur), sono state effettuate perquisizioni di massa nelle case dei fedeli. È stato aperto un procedimento penale contro uno di loro, Konstantin Moiseyenko, per la sua fede. Nel luglio 2021, il credente è stato riconosciuto colpevole di organizzazione di attività estremiste e condannato a 6 anni di pena sospesa.

Konstantin è nato nel 1976 ad Abakan (Khakassia). Suo padre è morto più di 10 anni fa, sua madre è in pensione. Konstantin ha anche due fratelli gemelli più piccoli. Da bambino era appassionato di hockey, arrampicata su roccia, arti marziali e modellismo.

Konstantin è un ingegnere dei sistemi di formazione, laureato presso la Scuola tecnica di informatica e ingegneria informatica di Krasnoyarsk e l'Università tecnica statale di Krasnoyarsk. Ha lavorato come amministratore di sistema e tecnico dell'assistenza. Studia inglese da autodidatta, è attivamente impegnato nell'educazione fisica e nell'atletica.

Nel 1998, Konstantin ha sposato Margarita, una stilista di capispalla. Gli sposi sono uniti dalla passione per la lingua inglese. Dall'inizio degli anni 2000 Konstantin si interessa molto alla Bibbia. Rimase profondamente impressionato dall'accuratezza e dalla coerenza di questo libro con la storia e la scienza. La coppia decise che l'amore per Dio e per il prossimo sarebbe diventato la loro massima priorità nella vita.

Konstantin e Margarita viaggiano molto e amano comunicare con molti amici. Fino al 2016 hanno vissuto nel villaggio di Minderla, nel territorio di Krasnoyarsk, dove si sono presi cura della nonna cieca di Konstantin per 6 anni fino alla sua morte. Ora vivono a Zeya. Gli amici e i parenti di Konstantin sanno bene che egli è stato vittima di persecuzioni per la sua fede.

Casi di successo

Nel marzo 2019, V. Obukhov, un investigatore dell’FSB russo per la regione dell’Amur, ha aperto un procedimento penale contro Konstantin Moiseenko, accusandolo di “aver organizzato un incontro di seguaci … di un’organizzazione religiosa”. Pochi giorni dopo, il credente è stato perquisito e messo in condizione di non andarsene. L’accusa si è basata sui dati ottenuti da un agente dell’FSB incorporato: la donna prendeva appunti sui servizi di culto. Nell’agosto 2020, il caso è stato sottoposto al tribunale distrettuale di Zeya della regione dell’Amur per l’esame da parte del giudice Alexander Kozlov. Nell’ottobre dello stesso anno, a Zeya sono state effettuate perquisizioni di credenti che erano testimoni nel caso Moiseenko, ed è stato avviato un procedimento penale separato contro due di loro. Nel luglio 2021, il tribunale ha condannato Konstantin Moiseenko. Due mesi dopo, la corte d’appello lo ha confermato: 6 anni di reclusione sospesa con un periodo di prova di 4 anni e un’ulteriore restrizione della libertà per 1 anno. Nel febbraio 2022 anche la Corte di Cassazione ha confermato tale decisione.