Aggiornato: 14 giugno 2024
Nome: Mikhaylov Dmitriy Vasilyevich
Data di nascita: 25 ottobre 1977
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2), 282.3 (1), 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 5 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 165 Giorni nel centro di detenzione preventiva
Frase: Una multa di 560.000 rubli

Biografia

Dmitry Mikhailov è nato il 25 ottobre 1977 nel villaggio di Kupchanovka (regione di Akmola, Kazakistan). Vive a Shuya (regione di Ivanovo, Russia). È cresciuto nella famiglia di un medico - sua madre era una dermatologa-venereologa. Ha studiato presso l'Università Statale di Ingegneria Energetica di Ivanovo con una laurea in elettronica industriale. Ha lavorato come amministratore di sistema, riparatore di computer ed è anche appassionato di fotografia e montaggio video.

Dmitrij si battezzò come testimone di Geova nel 1993 all'età di 16 anni, quando scoprì la chiarezza, l'armonia e la coerenza della Bibbia, la bellezza della conoscenza di Dio. Nel 2003 si sposa, la moglie Elena insegna matematica e fisica. Da allora, i due hanno dedicato molto tempo a migliorare la vita delle persone attraverso l'educazione biblica.

Nel 2018, Dmitriy e Yelena hanno appreso che per diversi mesi i loro telefoni erano stati intercettati e che dietro di loro venivano girati video nascosti. Il 29 maggio, Dmitriy è stato arrestato con accuse assurde e messo in una struttura di detenzione temporanea, e poi in un centro di detenzione preventiva. Sua madre, che non condivideva le convinzioni religiose del figlio, quando fu arrestata esclamò: "Invece di perseguitare le persone oneste, sarebbe meglio catturare i criminali!"

I vicini dei Mikhailov hanno presentato alla corte una caratterizzazione secondo la quale Dmitry "si è affermato come un marito e un figlio premuroso ... Dmitry è reattivo, socievole, educato, responsabile, senza cattive abitudini... ha sempre un aspetto curato ed è pronto ad aiutare ... si prende cura dell'anziana madre, nata nel 1939, le fornisce medicine e cure ... Il suo unico figlio".

Casi di successo

Intercettazioni telefoniche, l’introduzione di un provocatore, riprese video nascoste nelle case dei credenti: questo ha dato inizio alla persecuzione dei Testimoni di Geova nella città di Shuya nella primavera del 2017. Un anno dopo, il Comitato Investigativo ha aperto un procedimento penale in base a tre articoli estremisti contro il pacifico Dmitry Mikhailov. Nei mesi di aprile e giugno 2018 sono state perquisite le case dei testimoni di Geova: i credenti sono stati trattati in modo sgarbato, sottoposti a pressioni e persino una bambina di 10 anni è stata interrogata. Dopo le perquisizioni, sono comparsi nuovi imputati: Elena Mikhailova, Svetlana Ryzhkova, Svetlana Shishina e Alexey Arkhipov. Dmitry ha trascorso 6 mesi in un centro di detenzione preventiva. Nel settembre 2019, l’investigatore ha consegnato il caso al pubblico ministero, ma un anno dopo lo ha restituito per ulteriori indagini. Il caso penale è andato in tribunale nel luglio 2021, ma il giudice lo ha restituito al pubblico ministero per la revisione. Il nuovo processo del caso nello stesso tribunale è iniziato nel maggio 2022.