Aggiornato: 15 aprile 2024
Nome: Lubin Aleksandr Nikolayevich
Data di nascita: 26 maggio 1956
Stato attuale: Imputato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 43 Giorni nel centro di detenzione preventiva
Limitazioni attuali: Divieto di determinate azioni

Biografia

Nell'estate del 2021, le autorità hanno aperto un procedimento penale per la loro fede contro il disabile di 65 anni del II gruppo Aleksandr Lubin. Il credente è stato perquisito e poi è stato mandato in un centro di detenzione preventiva, mettendo in pericolo la vita di una persona anziana.

Aleksandr è nato nel 1956 nel villaggio di Ogonyok (regione di Kurgan). In gioventù era appassionato di sport: lotta greco-romana e sci. Aleksandr amava anche la pesca.

Dopo la scuola, Aleksandr si è laureato presso l'Istituto di Ingegneria di Kurgan. Per 25 anni ha lavorato come ingegnere della sicurezza sul lavoro presso la Siberian-Ural Energy Company di Shadrinsk. Attualmente in pensione.

Aleksandr ha sposato Tatiana nell'agosto 2001. Ha lavorato per quasi 25 anni come operatrice di stampaggio presso lo stabilimento dell'unità automobilistica di Shadrinsk. Nei difficili anni '90, ha dovuto fare 3 lavori per aiutare a vestire e nutrire due bambini. Tatiana ama lavorare a maglia, cantare e ballare.

Le difficoltà della vita, la salute cagionevole e le condizioni fisiche di Tatiana spinsero Aleksandr a iniziare a leggere la Bibbia per sua moglie, poiché non poteva farlo da sola: la donna aveva avuto 4 ictus. Le verità bibliche lo interessavano nella loro logica. La conoscenza acquisita da questo libro aiutò entrambi i coniugi a liberarsi dalla disperazione causata dalle avversità e a cambiare il loro modo di vedere la vita. Nel 2003 tutta la famiglia ha deciso di dedicare la propria vita a Dio.

Aleksandr Lubin ha diverse diagnosi: una grave malattia vascolare, l'ipertensione e una malattia autoimmune che colpisce vari organi. Ha bisogno di ossigeno umidificato per 16 ore al giorno. È difficile per un credente camminare e, in caso di caduta, non è in grado di rialzarsi senza assistenza. A causa del procedimento penale, Alexander ha perso l'opportunità di ricevere cure mediche programmate, a cui si sottopone più volte all'anno: solo nel 2020 è stato ricoverato in ospedale 8 volte.

L'arresto di Aleksandr ha influito sulla cattiva salute dei coniugi. Tatyana ha iniziato a soffrire di un mal alle gambe e ha dovuto cercare aiuto medico. La sua pressione sanguigna aumenta spesso e inizia ad avere problemi al cuore e alla parola. A causa delle dure condizioni di detenzione nel centro di detenzione preventiva, le condizioni di Aleksandr sono diventate critiche.

Parenti, vicini ed ex colleghi di lavoro considerano insostenibili le accuse di estremismo dell'uomo mite. Sono indignati per il maltrattamento dei credenti. Molte persone conoscono i Lubin come pacifici, gentili e sempre pronti ad aiutare gli altri.

Casi di successo

Nel luglio 2021, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale con l’accusa di estremismo nei confronti di Aleksandr Lubin, un anziano con una disabilità di gruppo II. Le forze dell’ordine hanno perquisito i testimoni di Geova a Kurgan e Shadrinsk. Lubin ha trascorso 2 giorni nella struttura di detenzione temporanea, dopodiché è stato inviato in un centro di detenzione preventiva per un mese e mezzo, nonostante avesse bisogno di cure ospedaliere regolari e avesse difficoltà a muoversi. Secondo le istruzioni dei medici, Aleksandr ha dovuto usare una bombola di ossigeno per 16 ore al giorno, cosa impossibile in un centro di detenzione preventiva. Nell’agosto 2021, dopo una richiesta della Corte europea dei diritti dell’uomo e degli attivisti per i diritti umani, il tribunale ha rilasciato Aleksandr dal centro di detenzione preventiva. Ilya Ershov era anche un imputato in questo caso, ma i materiali contro di lui sono stati separati in procedimenti separati. Nel giugno 2023, il caso di Lubin è andato in tribunale.