Aggiornato: 14 giugno 2024
Nome: Loskutov Aleksey Aleksandrovich
Data di nascita: 4 febbraio 1978
Stato attuale: Addebiti ritirati
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)

Biografia

Il 10 febbraio 2020, le forze dell'ordine hanno condotto 50 perquisizioni in Transbaikalia. Questo ha colpito anche la famiglia di Alexei Loskutov. Cosa sappiamo di lui?

Alexey è nato nel 1978 a Chita. Ha una sorella minore. Come molti bambini, amava andare in bicicletta e durante gli anni della scuola era appassionato di pallavolo. Fin dall'infanzia, i suoi genitori gli hanno instillato l'amore per la conoscenza e si è diplomato con una medaglia d'oro.

Nel 2000 si è laureato con lode presso la Chita State University ed è entrato nella scuola di specializzazione per ottenere una laurea. Ha lavorato come insegnante presso l'Istituto Trans-Baikal per il trasporto ferroviario e, più recentemente, come tecnologo presso le ferrovie russe.

Nel 1999 ha sposato Elena, che conosceva fin dall'infanzia. La coppia ha due figlie. Il primogenito si è diplomato con due medaglie d'oro e ora padroneggia la professione di interior designer. Anche la figlia più giovane è un'ottima studentessa. Oltre ai suoi studi principali, frequenta una scuola d'arte e sogna di diventare una fotografa. La famiglia ama trascorrere del tempo con gli amici e viaggiare.

Dal 2003 Elena si interessa degli insegnamenti biblici. Più tardi, Aleksej si unì a lei nello studio di questo libro. Ricordano come questo abbia influito positivamente sull'atmosfera che si respirava in famiglia: "Fu allora che cominciammo a trattarci in modo speciale". Aleksej era convinto dell'attendibilità della Bibbia dalla sorprendente onestà dei suoi scrittori: essi scrivevano con franchezza non solo dei propri errori, ma anche della triste esperienza del loro popolo.

Di fronte a una perquisizione e a un procedimento penale, l'intera famiglia si sente vulnerabile. Temevano di essere reintrodotti in casa. A causa dello stress vissuto, per Elena è diventato difficile svolgere anche le semplici faccende domestiche. Loro, insieme alla loro figlia maggiore, sono costretti a prendere sedativi.

I genitori di Alexey non condividono le sue convinzioni religiose, ma amano molto lui, sua nuora e i nipoti. Sono spaventati e molto preoccupati per l'ingiusta persecuzione di queste persone pacifiche e gentili.

Casi di successo

Vladimir Ermolaev, Aleksandr Putintsev, Sergey Kirilyuk e Igor Mamalimov sono stati processati per la loro fede nel 2020, quando le forze di sicurezza hanno effettuato 50 perquisizioni a Chita e in altre città della Transbaikalia. Durante il raid, diversi fedeli sono stati arrestati e due sono stati torturati. Mamalimov, Kirilyuk ed Ermolaev sono stati rinchiusi in un centro di detenzione temporanea, dove hanno trascorso diversi giorni. A un certo punto, altri quattro credenti sono stati sospettati nel caso, ma il loro procedimento penale è stato interrotto. Per aver tenuto funzioni religiose pacifiche, il Comitato investigativo della Federazione Russa ha accusato Ermolaev, Putintsev, Mamalimov e Kirilyuk di aver organizzato l’attività di un’organizzazione estremista. Nonostante il fatto che non ci fossero vittime nel caso e non ci fossero prove di crimini contro lo Stato e l’individuo, nel 2022 il tribunale ha condannato Vladimir Ermolaev, Aleksandr Putintsev e Igor Mamalimov alla reclusione in una colonia penale per 6-6,5 anni e Sergey Kirilyuk a 6 anni sospesi. La corte d’appello ha confermato il verdetto. Le corti d’appello e di cassazione non hanno modificato questo verdetto.