Aggiornato: 24 maggio 2024
Nome: Kutsenko Vadim Aleksandrovich
Data di nascita: 12 gennaio 1989
Stato attuale: Addebiti ritirati
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 5 Giorni nel centro di permanenza temporanea

Biografia

Il 10 febbraio 2020 ha avuto luogo un massiccio raid contro i civili a Chita, così come in altre città e paesi del Territorio Trans-Baikal. In questo giorno, un totale di 50 perquisizioni sono state effettuate nelle case dei credenti, con minacce, pestaggi e interrogatori. Gli agenti di una delle forze dell'ordine hanno ammanettato Vadim Kutsenko, gli hanno chiuso gli occhi e lo hanno torturato, portandolo in una destinazione sconosciuta in un'auto ufficiale. Perciò cercarono inutilmente di costringerlo a dare falsa testimonianza contro i suoi compagni di fede. Cosa si sa di lui?

Vadim è nato nel gennaio 1989 a Sharypovo (Territorio di Krasnoyarsk). Sua madre è credente, ha cresciuto suo figlio, instillandogli qualità cristiane e amore per Dio.

Da bambino, Vadim era appassionato di legna, frequentò la scuola d'arte e partecipò a gare di scacchi. Ha ricevuto un'istruzione secondaria specializzata e ha acquisito la professione di meccanico d'auto. Lavorava in una fabbrica di mobili, si occupava di lavaggio a secco di mobili imbottiti, lavorava come tecnico informatico.

Nonostante fosse cresciuto in una famiglia religiosa, prese la decisione di servire Dio da solo. Questo è accaduto nel 2009. Vadim era convinto di aver scelto la strada giusta della vita con chiare risposte bibliche a tutte le domande che sorgevano nella sua mente.

Per qualche tempo visse a Usolye-Sibirskoye. Ho conosciuto Catherine, che conosce la Bibbia fin dall'infanzia. Nel 2017 la coppia si è sposata e si è trasferita a Chita, dove viveva la moglie. Ekaterina lavora come manicure. Vadim e sua moglie amano rilassarsi nella natura, fare passeggiate, viaggiare.

Dopo i tristi eventi del febbraio 2020, Vadim è stato licenziato dal suo lavoro. Anche la salute è peggiorata, motivo per cui la moglie è molto preoccupata. Parenti e amici sono indignati per il trattamento crudele, disumano e illegale che Vadim ha subito.

Casi di successo

Vladimir Ermolaev, Aleksandr Putintsev, Sergey Kirilyuk e Igor Mamalimov sono stati processati per la loro fede nel 2020, quando le forze di sicurezza hanno effettuato 50 perquisizioni a Chita e in altre città della Transbaikalia. Durante il raid, diversi fedeli sono stati arrestati e due sono stati torturati. Mamalimov, Kirilyuk ed Ermolaev sono stati rinchiusi in un centro di detenzione temporanea, dove hanno trascorso diversi giorni. A un certo punto, altri quattro credenti sono stati sospettati nel caso, ma il loro procedimento penale è stato interrotto. Per aver tenuto funzioni religiose pacifiche, il Comitato investigativo della Federazione Russa ha accusato Ermolaev, Putintsev, Mamalimov e Kirilyuk di aver organizzato l’attività di un’organizzazione estremista. Nonostante il fatto che non ci fossero vittime nel caso e non ci fossero prove di crimini contro lo Stato e l’individuo, nel 2022 il tribunale ha condannato Vladimir Ermolaev, Aleksandr Putintsev e Igor Mamalimov alla reclusione in una colonia penale per 6-6,5 anni e Sergey Kirilyuk a 6 anni sospesi. La corte d’appello ha confermato il verdetto. Le corti d’appello e di cassazione non hanno modificato questo verdetto.