Aggiornato: 19 aprile 2024
Nome: Kochnev Vladimir Yuriyevich
Data di nascita: 15 ottobre 1979
Stato attuale: Condannato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Tempo trascorso in prigione: 3 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 76 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 72 Giorni Agli arresti domiciliari
Limitazioni attuali: Sospensione condizionale della pena
Frase: pena sotto forma di 2 anni 8 mesi di reclusione, con restrizione della libertà per un periodo di 10 mesi, la pena sotto forma di reclusione è considerata condizionale con un periodo di prova di 2 anni 2 mesi

Biografia

Vladimir Kochnev è nato nel 1979 a Orenburg. Sua madre crebbe da sola tre figli, di cui Vladimir era il più giovane. Da bambino era appassionato di pesca e calcio. Sua sorella maggiore lo introdusse agli insegnamenti della Bibbia. Già all'età di 14 anni, Vladimir fece la sua scelta religiosa consapevole. Si guadagnò la reputazione di persona riflessiva, gentile e amante della pace.

In gioventù, Vladimir ha ricevuto la professione di meccanico televisivo e radiofonico, in seguito si è occupato di costruzioni e lavorazione dei metalli. Ha caratteristiche positive dal luogo di residenza e di lavoro.

All'inizio degli anni 2000, Vladimir ha incontrato una persona che la pensava allo stesso modo, Galina. Nel 2003 si sono sposati. Questi coniugi ospitali, socievoli e comprensivi hanno molti amici. Tutti loro hanno difficoltà a tollerare l'arresto inaspettato e ingiusto di Vladimir. Nel 2018, Vladimir e Galina festeggiano il loro 15° anniversario di vita familiare.

Casi di successo

Nel maggio 2018, il Comitato investigativo della Federazione russa ha aperto un procedimento penale contro Vladimir Kochnev, Vladislav Kolbanov, Pavel Lekontsev, Sergey Logunov e Nikolay Zhugin. I credenti di Orenburg sono stati accusati di aver organizzato e finanziato le attività di un’organizzazione estremista e di avervi partecipato a causa di incontri amichevoli in un caffè. Dopo le perquisizioni, tre uomini sono stati rilasciati con l’invito a non andarsene, e due sono stati arrestati. Kochnev ha trascorso 76 giorni in custodia cautelare e 72 giorni agli arresti domiciliari, mentre Kolbanov ha trascorso 149 giorni agli arresti domiciliari. Nel dicembre 2019, il caso è andato in tribunale, ma un mese dopo è stato restituito all’ufficio del procuratore a causa della natura vaga delle accuse. Il nuovo processo del caso da parte di un altro giudice è iniziato nel febbraio 2021. L’accusa si basa sulla testimonianza dell’agente V. Yudin. Nell’agosto 2023, il giudice ha condannato i credenti a pene sospese: Logunov e Zhugin – a due anni e mezzo, Kochnev – a due anni e otto mesi, Lekontsev – a tre anni e Kolbanov – a tre anni e mezzo. La corte d’appello ha confermato il verdetto.