Aggiornato: 14 giugno 2024
Nome: Kirilyuk Sergey Nikolayevich
Data di nascita: 4 aprile 1972
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 5 Giorni nel centro di permanenza temporanea
Limitazioni attuali: Sospensione condizionale della pena
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 6 anni, con privazione del diritto di impegnarsi in attività di leadership in organizzazioni pubbliche per un periodo di 6 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, una pena detentiva è considerata condizionale con un periodo di prova di 4 anni 6 mesi

Biografia

Nel febbraio 2020, durante i raid di massa nelle case dei civili nel territorio del Trans-Baikal, diversi credenti maschi sono stati detenuti per 5 giorni. Uno di loro è Sergey Kirilyuk. Cosa si sa di lui?

Sergey è nato nel 1972 a Cheremkhovo (regione di Irkutsk). È cresciuto nel villaggio in una famiglia numerosa con sei figli. Dopo la scuola, ha imparato la specialità di saldatore. Nel 1992, Sergey ha sposato Olga, la coppia ha avuto tre figli.

Alla fine degli anni '90, Olga scoprì la profondità della Bibbia e interessò Sergey. Ben presto la coppia decise di condurre uno stile di vita cristiano.

Al momento dell'irruzione, i figli maggiori vivevano separati dai genitori, mentre il figlio più piccolo, minorenne, vive con i genitori. Olga ha seri problemi di salute, ha un gruppo di disabilità II. La perquisizione, l'arresto e il procedimento penale hanno portato allarme e hanno aggiunto difficoltà alla vita di Sergey e della sua famiglia.

Casi di successo

Vladimir Ermolaev, Aleksandr Putintsev, Sergey Kirilyuk e Igor Mamalimov sono stati processati per la loro fede nel 2020, quando le forze di sicurezza hanno effettuato 50 perquisizioni a Chita e in altre città della Transbaikalia. Durante il raid, diversi fedeli sono stati arrestati e due sono stati torturati. Mamalimov, Kirilyuk ed Ermolaev sono stati rinchiusi in un centro di detenzione temporanea, dove hanno trascorso diversi giorni. A un certo punto, altri quattro credenti sono stati sospettati nel caso, ma il loro procedimento penale è stato interrotto. Per aver tenuto funzioni religiose pacifiche, il Comitato investigativo della Federazione Russa ha accusato Ermolaev, Putintsev, Mamalimov e Kirilyuk di aver organizzato l’attività di un’organizzazione estremista. Nonostante il fatto che non ci fossero vittime nel caso e non ci fossero prove di crimini contro lo Stato e l’individuo, nel 2022 il tribunale ha condannato Vladimir Ermolaev, Aleksandr Putintsev e Igor Mamalimov alla reclusione in una colonia penale per 6-6,5 anni e Sergey Kirilyuk a 6 anni sospesi. La corte d’appello ha confermato il verdetto. Le corti d’appello e di cassazione non hanno modificato questo verdetto.