Aggiornato: 20 giugno 2024
Nome: Tsarev Igor Olegovich
Data di nascita: 14 maggio 1974
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 2 anni e 6 mesi con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno; La pena detentiva si considera sospesa con un periodo di prova di 2 anni

Biografia

Il 30 luglio 2019, le forze dell'ordine di Birobidzhan hanno aperto un nuovo procedimento penale per aver creduto in Dio. Il suo imputato era Igor Tsarev. L'indagine è durata circa 5 mesi, e poi per più di un anno il credente ha difeso il suo buon nome in tribunale. Il tribunale ha condannato il padre della figlia minorenne a due anni e mezzo di libertà vigilata solo a causa della sua fede. Un appello a Birobidzhan ha confermato il verdetto.

È nato nel 1974 nel villaggio di Birakan, distretto di Obluchensky (Regione autonoma ebraica), vicino al confine con la Cina. Ha due sorelle minori. Da adolescente, mentre era a scuola, Igor ha iniziato a lavorare per aiutare la sua famiglia. Durante le vacanze estive, lavorava al taglio degli alberi, in una falegnameria, e aiutava il padre a lavorare come elettricista. Gli piaceva trascorrere il suo tempo libero nella natura, pescando, guidando un motorino. Dopo la scuola, andò a studiare al DOSAAF, dove ricevette la specialità di autista, e si arruolò immediatamente nell'esercito. Poi ha lavorato come autista, montatore di mobili ed elettricista.

Anche nell'esercito, Igor ha iniziato a pensare al senso della vita. Volevo capire e capire se Dio esiste davvero e come arrivare a Lui. "Pregavo anche come meglio potevo", ricorda. Dopo l'esercito, Igor, insieme a suo padre, cercò di trovare le risposte alle loro domande, e la ricerca portò alla Bibbia.

Nel 1998, Igor ha sposato Viktoria e si sono trasferiti insieme a Birobidzhan. La coppia sta crescendo una figlia studentessa. Il caso penale ha cambiato completamente la vita di queste persone rispettose della legge. "Molto presto, con il verdetto del tribunale, la mia vita cambierà radicalmente", dice Igor. - Sì, è già cambiato! Ho restrizioni di movimento, in quanto sono sotto l'obbligo di non partire. E al lavoro, ho dovuto spiegare al mio capo perché le forze dell'ordine hanno un maggiore interesse per me. La direzione dell'azienda non sa perché io sia perseguitato per la mia fede. Anche se loro stessi rispondono a questa domanda: "I cristiani sono sempre stati perseguitati".

Anche i parenti di Igor sono scoraggiati dalla situazione attuale e sono molto preoccupati per lui.

Casi di successo

Nel febbraio 2021, Igor Tsarev, padre di un figlio minorenne, è stato condannato a 2,5 anni con sospensione condizionale della pena. Un credente di Birobidzhan è stato processato per aver partecipato alle attività di un’organizzazione estremista. Le accuse si basavano su filmati ottenuti da agenti dell’FSB durante le riprese di nascosto di un servizio di culto. Il caso penale è stato esaminato per più di un anno dal giudice Alexei Ivaschenko presso il tribunale distrettuale di Birobidzhan della regione autonoma ebraica. La maggior parte delle udienze si sono tenute a porte chiuse, apparentemente con l’obiettivo di “mettere al sicuro i partecipanti al processo in modo che non adottino le credenze religiose dei testimoni di Geova”. Sebbene nel dibattito il procuratore abbia riconosciuto il diritto alla libertà di religione, allo stesso tempo ha affermato che a Tsarev è stato permesso di credere “solo dentro di sé” e ha raccomandato una condanna a 4 anni di carcere. La Corte d’Appello e la Corte di Cassazione hanno confermato il verdetto. Nel giugno 2022, il giudice Yulia Tsykina ha annullato l’attuale sentenza e cancellato la condanna del credente.