Aggiornato: 29 maggio 2024
Nome: Gridasov Roman Aleksandrovich
Data di nascita: 16 settembre 1978
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 92 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 587 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 2 anni di reclusione da scontare in una colonia penale di regime generale; con privazione del diritto di impegnarsi in attività connesse alla gestione e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 5 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno

Biografia

Roman Gridasov è uno dei sei abitanti di Saratov che hanno scontato una condanna ordinata dal tribunale per aver creduto in Geova Dio. Il 29 luglio 2021 ha lasciato la colonia.

Roman è nato nel 1978 a Saratov. Ha una sorella minore. In gioventù era appassionato di sport: era impegnato nella corsa, nel biathlon, nel ciclismo, nella lotta. Andava spesso a fare escursioni. Dopo la scuola, ha conseguito la specializzazione di tecnico-tecnologo-costruttore. Ha lavorato nel campo delle opere edili e di finitura. Nel tempo libero suona la fisarmonica, ama ancora la natura e viaggiare, soprattutto nel Caucaso.

La moglie di Roman si chiama Elvira, si sono sposati nel 2011. Elvira cuce abiti e ama fare regali agli amici con le sue mani.

Quando Roman cominciò a studiare le Sacre Scritture, vide che la Bibbia cambia in meglio il modo di agire e di pensare delle persone. Stranamente, furono le credenze cristiane a essere la ragione per cui fu aperto un procedimento penale contro Roman. Il tribunale ha ritenuto il credente colpevole di estremismo senza prove e lo ha condannato a 2 anni di carcere. I parenti sono rimasti scioccati dal fatto che fosse considerato un criminale solo a causa delle sue convinzioni: nient'altro che parlare della Bibbia, Roman non è stato accusato.

Casi di successo

Nel settembre 2019, il giudice Dmitry Larin ha immediatamente mandato in prigione 6 residenti di Saratov per una pena da 2 a 3,5 anni solo per aver letto la Bibbia, cantato canzoni e pregato. Dal 2017, le forze di sicurezza hanno condotto una sorveglianza segreta dei credenti. Nell’estate del 2018 le loro case sono state perquisite e sono state piantate pubblicazioni proibite. Mentre le indagini erano in corso, sono dovuti andare in un centro di detenzione preventiva, agli arresti domiciliari e sotto riconoscimento per non uscire. Un anno dopo, nonostante l’assenza di vittime nel caso, i credenti furono dichiarati colpevoli. All’arrivo nella colonia di Orenburg, 5 dei 6 credenti condannati sono stati picchiati dal personale dell’istituto. Mahammadiev è stato ricoverato in ospedale e gli altri sono stati messi in una cella di punizione per un po’. I prigionieri di coscienza di Saratov hanno imparato varie professioni in carcere. Nel maggio 2020, Mahammadiev e Bazhenov sono stati privati della cittadinanza russa e, dopo il loro rilascio, espulsi dalla Russia. Tutti e 6 i credenti hanno già scontato la loro pena. Nel settembre 2022, la Corte di Cassazione ha respinto il reclamo e il verdetto e la sentenza d’appello sono rimasti invariati.