Aggiornato: 19 maggio 2024
Nome: German Gennadiy Vasiliyevich
Data di nascita: 12 giugno 1969
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 92 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 587 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 2 anni di reclusione da scontare in una colonia penale di regime generale; con privazione del diritto di impegnarsi in attività connesse alla gestione e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 5 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno

Biografia

Gennadiy German è uno dei sei abitanti di Saratov che hanno scontato una condanna ordinata dal tribunale per la loro fede in Geova Dio. Il 29 luglio 2021 ha lasciato la colonia e ha finalmente incontrato sua moglie.

Gennadiy è nato nel 1969 nel villaggio di Dzygovka (Ucraina). È stato educato come artista di manifesti dopo suo padre, che è anche un artista. Ha tre fratelli e una sorella. Fin dall'infanzia è appassionato di sport, pesca e attività all'aria aperta.

Nel 1992, Gennadiy ha sposato Nadezhda, che lavora come operatore di apparecchiature per la purificazione chimica dell'acqua. La coppia ama viaggiare e spesso invita gli amici a farle visita. Hanno un figlio adulto che si occupa di pubblicità.

Nel 2006, Gennadiy è diventato cristiano. Fu l'amore per la Bibbia che divenne la ragione del procedimento penale.

Nel settembre 2019, il tribunale distrettuale Leninskiy di Saratov ha condannato Gennadiy a 2 anni di carcere solo a causa della sua fede: il tribunale ha considerato gli incontri pacifici con i compagni di fede come l'organizzazione delle attività di un'organizzazione estremista. Questa notizia ha ferito lo stato emotivo e mentale della famiglia di Gennadiy. Sono indignati per il fatto che persone pacifiche e rispettose della legge come Gennadiy siano perseguitate per la loro fede in Russia.

Casi di successo

Nel settembre 2019, il giudice Dmitry Larin ha immediatamente mandato in prigione 6 residenti di Saratov per una pena da 2 a 3,5 anni solo per aver letto la Bibbia, cantato canzoni e pregato. Dal 2017, le forze di sicurezza hanno condotto una sorveglianza segreta dei credenti. Nell’estate del 2018 le loro case sono state perquisite e sono state piantate pubblicazioni proibite. Mentre le indagini erano in corso, sono dovuti andare in un centro di detenzione preventiva, agli arresti domiciliari e sotto riconoscimento per non uscire. Un anno dopo, nonostante l’assenza di vittime nel caso, i credenti furono dichiarati colpevoli. All’arrivo nella colonia di Orenburg, 5 dei 6 credenti condannati sono stati picchiati dal personale dell’istituto. Mahammadiev è stato ricoverato in ospedale e gli altri sono stati messi in una cella di punizione per un po’. I prigionieri di coscienza di Saratov hanno imparato varie professioni in carcere. Nel maggio 2020, Mahammadiev e Bazhenov sono stati privati della cittadinanza russa e, dopo il loro rilascio, espulsi dalla Russia. Tutti e 6 i credenti hanno già scontato la loro pena. Nel settembre 2022, la Corte di Cassazione ha respinto il reclamo e il verdetto e la sentenza d’appello sono rimasti invariati.