Aggiornato: 19 aprile 2024
Nome: Galyamin Sergey Vladimirovich
Data di nascita: 28 ottobre 1967
Stato attuale: Condannato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Frase: штраф (650.000 RUB)

Biografia

L'11 aprile 2020, alle 6:30 del mattino, nonostante il regime di autoisolamento introdotto in Russia in relazione alla pandemia di coronavirus, le forze di sicurezza hanno perquisito l'appartamento di Sergey Galyamin. Un credente pacifico è diventato uno dei quattro accusati in base all'articolo "estremista".

Sergey è nato nella città di Teikovo (regione di Ivanovo) nel 1967. Ha un fratello e una sorella, suo padre è già morto. Da bambino, Sergey era appassionato di badminton, amava ascoltare musica e passava molto tempo a camminare per strada.

Si è laureato al college con una laurea in riparatore. Dopo il servizio militare per qualche tempo ha prestato servizio come guardiamarina, ha lavorato come idraulico. Dal 1995 è un imprenditore individuale, impegnato nella riparazione di calzature.

Nel 1991, Sergey ha sposato Lyudmila. È una sarta professionista e ama questa attività. Per lei cucire non è solo una professione, ma anche un hobby. Sergey impara a suonare la chitarra da solo. La coppia ha tre figlie. I più anziani sono già sposati e vivono separati. La figlia più piccola va ancora a scuola e vive con i genitori. Ama disegnare, cuocere torte e fare il sapone.

Nel 1993, il padre di Lyudmila morì tragicamente, il che fu un grande shock per lei. Un anno dopo la coppia cominciò a studiare la Bibbia insieme, e la speranza della risurrezione dei morti confortò davvero Luda. Studiando le Sacre Scritture, anche Sergej si convinse di aver trovato la verità. Egli ricorda: "Provavo benignità e amore sincero fra i credenti". Mettere in pratica i princìpi biblici rafforzò il matrimonio e aiutò la coppia a crescere amorevolmente i figli.

La madre, il fratello e la sorella di Sergey non condividono le sue opinioni religiose, ma hanno un atteggiamento positivo nei confronti della sua fede. Tutta la famiglia è sotto grande stress a causa del procedimento penale di Sergey. Per la prima volta dopo la ricerca, Lyudmila riusciva a malapena a dormire. La figlia ha paura di stare a casa da sola. A causa della pandemia, è in didattica a distanza e ora è privata della possibilità di studiare normalmente: durante la perquisizione , le forze di sicurezza le hanno portato via il suo dispositivo elettronico.

Casi di successo

Nell’aprile 2020 le forze di sicurezza hanno fatto irruzione negli appartamenti dei testimoni di Geova nella città di Teikov. Il giorno prima, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale per aver organizzato le attività di un’organizzazione estremista contro Vladimir Spivak, Aleksandr Vasichkin, Sergey Galyamin e Anatoliy Lyamo. A tutti i credenti fu dato un impegno scritto a non lasciare il luogo. Un anno dopo, l’investigatore accusò Lyamo di un altro articolo, questa volta di finanziamento delle attività di un’organizzazione estremista. Nell’agosto 2021 Aleksandr Vasichkin è stato accusato di aver partecipato alle attività di un’organizzazione estremista. L’accusa si basava sulla testimonianza di due testimoni segreti. Nel gennaio 2023, il caso dei credenti è andato in tribunale. Nel febbraio 2024, il giudice ha condannato i credenti a multe salate: Spivak – 600.000, Sergey Galyamin – 650.000, Aleksandr Vasichkin e Anatoliy Lyamo – 1.100.000 rubli ciascuno.