Anna Lokhvitskaya, luglio 2021

Verdetti ingiusti

La Corte di Cassazione non ha modificato la condanna inflitta ad Anna Lokhvitskaya da Birobidzhan per la sua fede

Area Autonoma Ebraica

Il 21 settembre 2022 la Nona Corte di Cassazione della Giurisdizione Generale della città di Vladivostok ha confermato la condanna inflitta ad Anna Lokhvitskaya di Birobidzhan, una pena sospesa di due anni e mezzo per la sua fede in Geova Dio.

Il procedimento penale contro la famiglia Lokhvitsky è iniziato nel maggio 2018, quando sono state effettuate perquisizioni nella casa di Anna e di suo marito e in quella di sua suocera. Successivamente, nel 2019, l'FSB ha avviato un caso contro il marito di Anna, Artur Lokhvitsky, e circa un anno dopo, Anna stessa e sua suocera, Irina, sono state accusate di estremismo.

Il 20 luglio 2021, il tribunale distrettuale di Birobidzhansky ha condannato Anna Lokhvitskaya a due anni e mezzo di reclusione con sospensione condizionale della pena. Il credente ha presentato ricorso, ma il Tribunale della Regione Autonoma Ebraica non lo ha accolto.

Nel suo ricorso per cassazione, Anna ha dichiarato di essere stata "vittima di discriminazione" e "vittima di un procedimento penale arbitrario". Ha anche sottolineato che durante l'intero periodo dell'indagine e del processo, i suoi diritti garantiti come cittadina russa, tra cui la libertà di religione e di espressione e il rispetto della vita personale, della vita familiare e della casa, sono stati ripetutamente violati.

Anche Artur Lokhvitsky e sua madre, Irina Lokhvitskaya, sono stati condannati a due anni e mezzo di reclusione con sospensione condizionale. La Corte di Cassazione ha confermato tali sentenze.

Il caso di A. Lokhvitskaya a Birobidzhan

Breve storia del caso
La vita di Anna Lokhvitskaya, un tecnico di cucito, è cambiata radicalmente nell’estate del 2019, quando suo marito Artur è stato processato per conversazioni bibliche con amici. Il 6 febbraio 2020, l’investigatore dell’FSB Dmitry Yankin ha aperto procedimenti penali contro la stessa Anna e altri cinque residenti di Birobidzhan con l’accusa di aver partecipato ad attività estremiste. Il credente è stato accusato di “studiare la Bibbia insieme ad altri su Skype”. Le udienze presso il tribunale distrettuale di Birobidzhan si sono svolte a porte chiuse. Durante il dibattito, il pubblico ministero ha chiesto di condannare Anna a 4 anni in una colonia a regime generale, seguiti da restrizioni per altri 2 anni. Il 20 luglio 2021, il giudice Vasilina Bezotecheskikh, che ha esaminato anche i casi contro altre 3 donne credenti (tra cui la suocera di Anna), ha condannato Lokhvitskaya a 2,5 anni di reclusione con sospensione condizionale. Il 16 dicembre 2021, il Tribunale della Regione Autonoma Ebraica ha confermato questo verdetto.
Cronologia

Persone coinvolte

Caso penale

Regione:
Area Autonoma Ebraica
Insediamento:
Birobidzan
Caso giudiziario nr.:
12007990001000002
Inizio caso:
6 febbraio 2020
Stato attuale del caso:
Il verdetto è entrato in vigore
Inquirente:
Ramo del Servizio di Sicurezza Federale della Russia nella Regione Autonoma Ebraica
Articolo del Codice Penale Russo:
282.2 (2)
Numero del procedimento giudiziario:
1-41/2021 (1-459/2020)
Tribunale:
Биробиджанский районный суд ЕАО
Giudice:
Василина Безотеческих
Sfondo