Foto illustrativa

Azioni delle forze dell'ordine

Altri due credenti di Voronezh hanno riferito di essere stati torturati durante la detenzione. Entrambi sono in carcere e uno ha una costola rotta

Regione di Voronezh

I credenti Yuriy Galka e Anatoliy Yagupov hanno denunciato il trattamento disumano attraverso un avvocato, che li ha visitati nel centro di detenzione. Il giorno della loro detenzione sono stati strangolati con sacchi e picchiati, chiedendo una confessione. In precedenza, i credenti Bokov, Katyrov e Korol avevano descritto le percosse.

Gli avvocati hanno cercato di raggiungere Yagupov e Galka dal momento in cui sono stati portati al centro di detenzione preventiva #1 nella regione di Voronezh, ma all'avvocato è stato permesso di vederli solo dopo 2 settimane, il 29 e il 30 luglio.

Si è saputo che Yuri Galka, 44 anni, aveva una costola rotta. La tortura è iniziata durante la perquisizione ed è continuata durante l'interrogatorio. Gli agenti dell'FSB gli hanno girato le mani dietro la schiena e gli hanno messo la borsa sopra la testa, stringendola fino a quando Yuri ha iniziato a soffocare. In quel momento, è stato picchiato, rompendosi una costola. Gli fu chiesto di confessare l'estremismo e i legami con i testimoni di Geova. Al momento del ricovero nel centro di detenzione preventiva, è stata rivelata una frattura alle costole, ma il personale dell'istituto, approfittando dello stato di shock di Yuriy, ha scritto nei documenti che ha ricevuto ferite dalla famiglia.

Anatoliy Yagupov, 51 anni, è stato torturato in modo simile: gli è stato messo un sacchetto sulla testa e picchiato su una sedia, sulla quale gli inquirenti hanno messo un residente di Voronezh.

Un totale di cinque testimoni di Geova di Voronezh si lamentano ora delle torture subite dalle forze dell'ordine. Nonostante le torture, i credenti di Voronezh si rifiutarono di ammettere la colpa per crimini che non avevano commesso. Hanno registrato feriti in una struttura medica per protestare contro le azioni delle forze dell'ordine.

Il 13 luglio 2020 sono state effettuate più di 110 perquisizioni nelle case dei Testimoni di Geova a Voronezh e nella regione.

Il caso Sokolov e altri a Voronezh

Casi di successo
In un solo giorno, il 13 luglio 2020, sono state effettuate 110 perquisizioni in 7 insediamenti della regione di Voronezh, un’operazione da record contro i Testimoni di Geova in Russia. Cinque credenti hanno denunciato torture da parte delle forze di sicurezza. Dieci uomini di età compresa tra i 24 e i 56 anni sono stati accusati dal Comitato investigativo di aver organizzato attività estremiste e li hanno mandati in prigione, dove la maggior parte di loro è stata trattenuta per quasi 5 mesi. Gli eventi di Voronezh hanno suscitato un’ampia protesta pubblica: i paesi dell’UE, così come il Regno Unito e gli Stati Uniti, hanno espresso rammarico e sconcerto in relazione all’incidente. Gli stessi credenti non ammettono colpe nell’estremismo e sottolineano che, in quanto cristiani, rispettano le autorità e praticano pacificamente la loro religione in conformità con il diritto costituzionale. L’esame del caso in tribunale è iniziato nel dicembre 2021. I credenti rischiano fino a 10 anni di carcere.
Cronologia

Persone coinvolte

Caso penale

Regione:
Regione di Voronezh
Insediamento:
Voronezh
Sospettato di:
«... agendo da parte di un gruppo di persone mediante previa cospirazione ... ha preso la decisione penale di commettere azioni deliberate di natura organizzativa volte a riprendere e continuare le attività dell'organizzazione religiosa locale dei Testimoni di Geova "Central, Voronezh"" (dall'atto d'accusa)
Caso giudiziario nr.:
12002200045140020
Inizio caso:
3 luglio 2020
Stato attuale del caso:
processo dinanzi al Tribunale di primo grado
Inquirente:
1° Dipartimento per le indagini sui casi particolarmente importanti della Direzione investigativa del Comitato investigativo della Federazione Russa nella regione di Voronezh
Articolo del Codice Penale Russo:
282.2 (1)
Numero del procedimento giudiziario:
1-14/2023 (1-160/2022; 1-684/2021)
Tribunale:
Левобережный районный суд г. Воронежа
Giudice del Tribunale di primo grado:
Евгения Ласкавая
Casi di successo