Foto illustrativa

Azioni delle forze dell'ordine

"Mi hanno messo un sacchetto in testa, mi hanno strangolato e picchiato". Un credente di Voronezh racconta di essere stato torturato dopo essere stato arrestato

Regione di Voronezh

Aleksandr Korol, 29 anni, arrestato durante un raid di massa contro i testimoni di Geova il 13 luglio, è stato torturato durante l'interrogatorio, chiedendo di identificare i suoi compagni di fede: è stato strangolato con un sacchetto di plastica e picchiato. Lo ha rivelato dopo il suo rilascio dalla struttura di detenzione temporanea dove è stato trattenuto per 48 ore.

Il 13 luglio 2020 le forze dell'ordine della regione di Voronezh hanno condotto il raid più massiccio contro i testimoni di Geova nella storia della Russia moderna. Sono state condotte perquisizioni in più di 100 indirizzi, decine di civili sono stati arrestati e portati agli interrogatori. 10 persone sono state arrestate e gettate nel centro di detenzione preventiva. Secondo informazioni più dettagliate, tre uomini sono stati picchiati e torturati. Uno di loro è Aleksandr Korol, 29 anni.

Dopo la perquisizione nella casa di Aleksandr, è stato portato nell'edificio del Dipartimento principale del Ministero dell'Interno russo nella regione di Voronezh in via Sredne-Moskovskaya. Lì fu interrogato più volte. Per la prima volta gli inquirenti cercarono di convincere il credente ad autoincriminarsi e minacciarono di torturarlo. Aleksandr si rifiutò, così uno degli ufficiali gli mise un sacchetto di plastica sulla testa e cominciò a stringerlo intorno al collo, bloccando l'accesso all'aria e chiedendo chi tra i credenti fosse l'anziano. La tortura è stata ripetuta più volte fino a quando la borsa non è stata strappata. Contemporaneamente, Aleksandr è stato colpito più volte in faccia. Il silovik minacciò anche di usare aghi per la tortura.

L'interrogatorio con l'uso della forza è durato circa 15 minuti, dopodiché Aleksandr è stato portato ad un altro indirizzo, dove è stato interrogato di nuovo.

Verso le 17.30, ammanettato, è stato portato al ministero dell'Interno nel distretto di Khokholsky, situato a circa 40 km da Voronezh, e posto in un centro di detenzione temporanea per 48 ore.

Alle 17:00 del 15 luglio Aleksandr è stato rilasciato senza alcuna spiegazione o scusa. Poiché Aleksandr non aveva soldi e la polizia aveva sequestrato i mezzi di comunicazione, ha dovuto chiedere ai passanti di prendere in prestito denaro per tornare a casa a Voronezh. Al momento non si sa se sia stato avviato un procedimento penale contro il credente. Aleksandr Korol si prepara a presentare ricorso contro le azioni illegali delle forze dell'ordine.

Il caso Sokolov e altri a Voronezh

Casi di successo
In un solo giorno, il 13 luglio 2020, sono state effettuate 110 perquisizioni in 7 insediamenti della regione di Voronezh, un’operazione da record contro i Testimoni di Geova in Russia. Cinque credenti hanno denunciato torture da parte delle forze di sicurezza. Dieci uomini di età compresa tra i 24 e i 56 anni sono stati accusati dal Comitato investigativo di aver organizzato attività estremiste e li hanno mandati in prigione, dove la maggior parte di loro è stata trattenuta per quasi 5 mesi. Gli eventi di Voronezh hanno suscitato un’ampia protesta pubblica: i paesi dell’UE, così come il Regno Unito e gli Stati Uniti, hanno espresso rammarico e sconcerto in relazione all’incidente. Gli stessi credenti non ammettono colpe nell’estremismo e sottolineano che, in quanto cristiani, rispettano le autorità e praticano pacificamente la loro religione in conformità con il diritto costituzionale. L’esame del caso in tribunale è iniziato nel dicembre 2021. I credenti rischiano fino a 10 anni di carcere.
Cronologia

Persone coinvolte

Caso penale

Regione:
Regione di Voronezh
Insediamento:
Voronezh
Sospettato di:
«... agendo da parte di un gruppo di persone mediante previa cospirazione ... ha preso la decisione penale di commettere azioni deliberate di natura organizzativa volte a riprendere e continuare le attività dell'organizzazione religiosa locale dei Testimoni di Geova "Central, Voronezh"" (dall'atto d'accusa)
Caso giudiziario nr.:
12002200045140020
Inizio caso:
3 luglio 2020
Stato attuale del caso:
processo dinanzi al Tribunale di primo grado
Inquirente:
1° Dipartimento per le indagini sui casi particolarmente importanti della Direzione investigativa del Comitato investigativo della Federazione Russa nella regione di Voronezh
Articolo del Codice Penale Russo:
282.2 (1)
Numero del procedimento giudiziario:
1-14/2023 (1-160/2022; 1-684/2021)
Tribunale:
Левобережный районный суд г. Воронежа
Giudice del Tribunale di primo grado:
Евгения Ласкавая
Casi di successo